top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreFranco Sainini

Da OGGI in FISICO e DIGITALE "Teschio del Mondo" il nuovo Album della Rock Prog Band SPECTRVM

Il ritorno del Rock Progressivo Sinfonico tra Spiritualità, Ecologia, Ambiente

Pubblicato dall’etichetta Terzo Millennio Records

Ascolta il disco in streaming: Teschio del Mondo (frontl.ink)

La band italiana SPECTRVM (Como) ha realizzato il progetto discografico "Teschio del Mondo", un concept album di Rock Progressivo Sinfonico dedicato alla Terra. Dopo oltre quattro decenni di carriera musicale, questo lavoro rappresenta un ritorno alle radici della band e una dichiarazione d'amore artistica al PROG SINFONICO. "Teschio del Mondo" è disponibile da oggi 10 NOVEMBRE in formato fisico e digitale pubblicato dall'etichetta Terzo Millennio Records, Milano. L’album contiene otto tracce, presentato in formato CD in confezione Jewel Box, è un viaggio straordinario attraverso la musica e l'arte, unendo passato e presente in un'esperienza emozionante. Il mini book incluso contiene i testi delle 8 composizioni con parafrasi esplicative, arricchendo maggiormente l'esperienza per gli appassionati di musica e arte. La copertina, raffigurante la Terra, con un flusso psichedelico, come un teschio, vuole trasmettere un messaggio positivo e rappresenta la dualità artistica dell'intero lavoro.

Track-List: ANIMA E’ un “viaggio” della psiche, nella profondità dell’anima, l’esame di coscienza in una dimensione trascendentale. Un uomo vissuto che, attraverso l’esame interiore, scopre tutte le sue debolezze, le sue paure e i suoi limiti. Nella sua fragilità umana, nel valutare il suo percorso di vita, vede i suoi successi e i suoi tormenti. In questo disagio temporaneo, avverte un pensiero oscuro, vedendosi lungo i viali dei freddi marmi, come un epilogo verosimilmente “metafisico spirituale”, più che una fine carnale. Scosso da questa introspezione, si libera dalle inquietudini e angosce che lo affliggono. Certo di un futuro migliore, si aggrappa a una mano amica … così salda e inaspettatamente calda. BESTIA La "Bestia" è da intendersi come momenti di diverse situazioni, che possono essere un disagio mentale, una grave malattia, una posizione economica e sociale problematica, una coercizione legata alla droga, all’alcolismo o al vizio. Per poter uscire da questo tunnel, è necessario cogliere l’aiuto di una voce amica che possa allontanare e distogliere questi stati ossessivi e ritrovare il cammino di un destino già segnato. NESSUNO PIANGE NESSUNO CANTA Con la durata di 8,18 minuti, è la suite più lunga dell’album, composta da tracce di diversi brani concatenati. È un’avventura di un cucciolo che scappa dal cortile dove vive e nessuno lo cercherà. Viene inghiottito dal caotico frastuono della città, vaga tra i pericoli, impaurito dal traffico, dalle luci e dalle voci. Incorre in spaventosi incontri, finché stremato, consapevole che nessuno lo piangerà, si abbandona a una fine certa, ma una porta si apre e … questo finale è aperto a ogni immaginazione personale. SOGNI DI PIETRA Nel testo e nel significato del brano, scritto nella metà degli anni ’70, la “figura principale” è un soggetto di “non persona”, una pietra, un monolite, una roccia, perennemente immobili, si possono immaginare “capaci” di desiderare un’altra esistenza. La metafora può essere intesa come una vita inerte o amorfa che attende qualcosa o qualcuno che lo possa liberare e portare via, a conoscere altre realtà. TESCHIO DEL MONDO Teschio del mondo è la traccia filologica che da l’impronta all’album, il Mondo lacerato tra il giorno e la notte. Dopo il tramonto, incessantemente fino all’alba, al calare delle tenebre, nell’oscurità affiorano l’avidità e la malvagità umana, in tutta la sua crudeltà e aggressività opprimente e mortale. Al sorgere del sole, la forza del suo calore dà inizio al risveglio, illuminato, caldo, aperto, immenso, vivo …. finalmente è ancora giorno! CRISALIDE La metamorfosi viene descritta nel testo e dalla musica, come se si trattasse di una ripresa al rallentatore di tutte le fasi della mutazione da bruco a farfalla. Le strutture armoniche e le singole partiture fanno immaginare tutti i passaggi della trasformazione, dalla schiusa del bozzolo allo spiegamento delle ali, adesso colorate e scintillanti, verso il volo libero dall’oppressione dell’involucro. PRIGIONE Il brano riporta indietro le lancette alla fine degli anni ’70, quando da poco emanata, la legge Basaglia avrebbe chiuso per sempre i manicomi di Stato. Il protagonista si trova suo malgrado implicato in un internamento forzato, questo lungo isolamento dal mondo esterno, gli causa gravi conseguenze mentali, disagio sociale e incognite aspettative. Per un interminabile periodo, giorno dopo giorno, è “prigioniero” in una opprimente bianca stanza. Dopo aver passato un lungo tempo, sopportando angosce e paure …. la porta si apre, adesso è libero di respirare …. lo aspetta una nuova vita TEMPLUM Il brano di chiusura dell’album, nasce dalla rivisitazione di un successo inciso dal gruppo nel ‘76 “Magnificat”, diversificando il preludio originale, riprende il classico adagio in re minore e introduce il celebre motto dei Templari: “Non nobis Domine, no nobis, sed nomini tuo da gloriam”. La scelta del motto è di fatto un monito per tutta la linea che segue il discorso filologico dell’album. Il proposito è quello di dare una vera chiosa all’album, lasciando all’ascoltatore l’impressione di immaginarsi all’interno di una Cattedrale, in un turbinio di sonorità ed effetti, in uno spazio temporale indefinito.





Biografia SPECTRVM: La storia della band inizia nel 1974, quando si formarono come "Stratus", con i membri fondatori Frank Lazzari (organo-tastiere-voce), i fratelli Jordan Bozzolan (batteria-percussioni-voce) e Daniele Bozzolan (basso-chitarre-pianoforte-voce), insieme a Renato Olivo (chitarre voce) e in seguito Alberto Zanella (tastiere-pianoforte-voce). Negli anni '70, Stratus divenne il gruppo di punta nei dancing del Nord Italia, esibendosi in spettacoli e eventi musicali e registrando numerosi successi discografici con artisti come Sandro Belsi e Rudy Polito. Nel 1979, a causa di divergenze con la produzione, il progetto dell'album "Teschio del Mondo" venne accantonato, ma la band continuò a esibirsi fino al 1982, quando si sciolsero. Nel 2020, dopo quattro decenni di pausa, gli Stratus decisero di riprendere il progetto "Teschio del Mondo", con l’inserimento del nuovo chitarrista Marco Brega. Il gruppo ha modificato il proprio nome in "SPECTRVM", mantenendo viva la tradizione del latino con la classica V utilizzata per scrivere la U.


Per ulteriori informazioni, interviste o richieste di immagini, contattare: 3925970778 – ufficiostampa@divinazionemilano.it


Nel web:






FRANCO SAININI

Divinazione Milano S.r.l. Ufficio Stampa, Radio, Tv, Web & Social Network Via Andrea Palladio n. 16 - 20135 Milano Tel. 0258310655 mob. 3925970778 www.divinazionemilano.it email: ufficiostampa@divinazionemilano.it #spectrvm #teschiodelmondo #rockprog #rockprogressive #rock #rockmusic #italianmusic #indiemusic #rockband #rockprogband #italianrockprogband #musica #musicaitaliana #nuovamusica

37 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page