Franco Sainini

Franco Sainini

Giovedì, 31 Agosto 2017 07:34

Beatrice Campisi

BEATRICE CAMPISI

Il nuovo album

“Il gusto dell'ingiusto”

disponibile a partire dal 6 dicembre

 

Presentazione il 6 dicembre

SPAZIO MUSICA – PAVIA

 

Il 6 Dicembre esce “Il gusto dell’ingiusto”, primo album della cantautrice siciliana Beatrice Campisi, prodotto da Cobert Edizioni Musicali (Ultra Sound Records) e Jono Manson in collaborazione con il MIBACT e SIAE, nell’ambito dell’iniziativa “Sillumina – Copia privata per i giovani, per la cultura”.

Il CD “Il gusto dell’ingiusto” di Beatrice Campisi sarà presentato con un concerto il 6 dicembre presso lo SPAZIO MUSICA di Pavia (via Faruffini 5).

Il titolo dell’album, liberamente tratto dal secondo libro delle ‘Confessioni’ di Sant'Agostino, prende spunto dal racconto su un furto di pere (narrato dalla voce di Claudio Lolli nell'intro alla traccia 9), avvenuto non per necessità, ma solo per il gusto dell’ingiusto. L’album narra dunque le storie di vita e le esperienze del singolo, analizzando la dicotomia dell’animo umano, il dualismo che regna dentro ognuno di noi, il lato oscuro che ci conduce inevitabilmente all’errore, accompagnato dalla speranza e dal bisogno di riscattarsi. 

Questo tema è rappresentato nel disco attraverso l’accostamento di diverse sonorità. La linea rossa seguita dalla cantautrice è caratterizzata dalla contaminazione dei generi: blues, swing, musica popolare, canzone d’autore si fondono in uno stile personale.

La cantautrice fa arrivare l’eco delle radici sicule nella sua musica, fondendo pensieri, parole, incontri, immagini, suoni. L’intenzione è quella di creare un’ambientazione introspettiva e onirica che non risparmia dal risveglio brusco in una realtà violenta e crudele.

Il disco è stato registrato con la collaborazione di prestigiosi musicisti. La sezione di base è composta da Beatrice Campisi (voce, pianoforte, ukulele, clavicembalo), Riccardo Maccabruni (pianoforte, tastiere, hammond, chitarra acustica, cori), Rino Garzia (contrabbasso/basso) e Stefano Bertolotti (batteria).

A questi musicisti si aggiungono Massimiliano Alloisio: chitarra classica; Jono Manson: chitarra elettrica; Antonio Marangolo: sassofono; Alice Marini: violino, viola e santur; Adriano Cancro: violoncello; Alessandro Morbelli: percussioni; Antonio Curedda: fisarmonica; Jimmy Ragazzon: armonica; Marina Sartena: bansuri e flauto traverso; Alice Vecchio: arpa.

Il “gusto dell’ingiusto” è composto da 12 tracce. Questa la tracklist dell'album:

1. Avò: il singolo di lancio dell’album racconta una storia vera di violenza e di riscatto, di acquisizione di una dignità strappata troppo presto. Una dignità ricostruita con fatica, giorno dopo giorno, con la semplicità profonda con cui le donne decidono di alzare la testa e superare le difficoltà semplicemente vivendo e donando altra vita. La vita che torna come in un cerchio, dunque, che si ripete, modificandosi, traendo linfa da sé stessa e rigenerandosi in nuova vita.

2. Le temps est perdue: la voce solista della chitarra elettrica si fonde alla ritmica scandita da basso, chitarra classica e percussioni. Una commistione insolita di strumenti in un brano a cavallo fra l’afro-jazz e il rock.

3. I contorni dei ricordi: un tuffo nell’abisso vorticoso della memoria e dei sentimenti. “Le sterpaglie del passato” che affiorano nei momenti bui e il bisogno di rinascere…un brano acustico in cui il sassofono “parlante” di Antonio Marangolo fa da protagonista.

4. Un sorso di mezcal: una passeggiata “claudicante” nei freddi sobborghi pavesi. I rumori e i silenzi della città, la nebbia, il fiume e…l’ingresso in un bar, una big band che suona swing e il pubblico euforico che cerca di riscaldarsi a “sorsi di mezcal”.

5. Via Quieta: valzer accompagnato da archi e clavicembalo che riporta a una casa condivisa da quattro compagni di Università. Le risate, i primi amori e i tramonti sulla città di Catania.

6. Filo di fumo: l’amarezza per un grande amore consumato. Le verdi foglie del passato che si raggrinziscono, i ricordi di un tempo felice trasformati in illusioni. Il fragile filo delle relazioni che si spezza e diventa fumo.

7. Cielo a pois: mentre gli uomini vengono schiacciati dai ritmi forsennati della società, “Cielo a pois” racconta il bisogno e la bellezza di fermarsi, di chiudere gli occhi e riscoprirsi bambini. Bambini che giocano all’aperto, che ricercano e imparano insieme.

8. Viale della Libertà: il passato si materializza dentro gli occhi di un vecchio. Il viale di cemento si colora di verde al suono delle sue parole. Un racconto surreale prende vita: quello del “lupo cane” che lo accompagnava a scuola da bambino.

9. Mondo sintetico (intro Claudio Lolli): in un’atmosfera onirica e psichedelica, scandita da un ritmo ossessivo di basso, esasperato da suoni acidi di hammond e chitarra elettrica, l’inganno della realtà si rivela all’ultimo secondo e la plasticità delle cose, oggetti come persone o sentimenti, innesca il bisogno di riscatto.

10. Come edera e tango: la malattia che costringe a letto. Il corpo che si prosciuga mentre la mente rimane lucida. I ricordi felici che leniscono il dolore e la consapevolezza della morte imminente. Le linee sinuose della chitarra classica accompagnano il calvario della malattia al suono suadente di tango, mentre il ritmo di bolero nel ritornello (caratterizzato dagli assoli di svariati strumenti) simboleggia la voglia di vivere.

11. Non sono: una dolce ninna nanna accompagnata dall’arpa. Un resoconto della vita interiore e delle vicende esterne che si susseguono in un flusso continuo. La consapevolezza di essere talmente piccoli da credere reale la visione di un cielo stellato che già da millenni ha assunto una nuova forma.

12. Luna lunedda: da una filastrocca popolare nasce l’ispirazione per un pezzo dal sapore tradizionale, in cui le voci degli avi ritornano e i racconti delle generazioni si fondono in una storia unica, universale ed eterna. Una storia di terra e di mare, di profumi, di cibi, di tradizioni perdute…di guerre. I panorami siciliani si colorano di nostalgia, del senso di solitudine tipico dell’isolano dal quale emerge il bisogno di non perdere le radici e di inserirsi nel cerchio della vita in modo autentico.

Chi è Beatrice Campisi?

L’artista ha studiato pianoforte, canto jazz e canto lirico. Ha fatto parte del Beatrice Campisi Group, un quartetto che proponeva un particolare folk d’autore.

Ha partecipato a numerose rassegne musicali come il M.E.I. di Faenza, il “Musicadonna Festival”, il Catania Jazz e più recentemente all'evento “La storia del Tenco all'interno della rassegna nazionale “Luigi Tenco, marzo 2017, In qualche parte del mondo”.

L'artista, inoltre,vanta importanti collaborazioni con cantautori siciliani, come quella con Davide Di Rosolini e Eugenio Piccilli. Dopo il trasferimento a Pavia, inizia a collaborare con musicisti locali, tra cui Riccardo Maccabruni, polistrumentista pavese, e Rino Garzia, contrabbassista milanese, con cui presenta il videoclip del suo inedito, “I contorni dei ricordi”, nel locale cittadino L'Osteria Letteraria Sottovento.

Nel web:

Facebook: https://www.facebook.com/campisibeatrice/

Youtube: https://www.youtube.com/channel/UClAWJqUf9iHE2Cf0sAqQlsQ

 

 

Da oggi è disponibile su YouTube

“AVÒ”

Il videoclip di

BEATRICE CAMPISI

 

Il brano “Avò” racconta una storia vera di violenza e di riscatto, di acquisizione di una dignità strappata troppo presto.

Una dignità ricostruita con fatica, giorno dopo giorno, con la semplicità profonda con cui le donne decidono di alzare la testa e superare le difficoltà semplicemente vivendo e donando altra vita.

La vita che torna come in un cerchio, dunque, che si ripete, modificandosi, traendo linfa da sé stessa e rigenerandosi in nuova vita.

Il videoclip, da oggi disponibile su YouTube, è stato realizzato con la regia di Marco Rosson e il montaggio di Maurizio Del Piccolo

“Avò” anticipa la pubblicazione del primo progetto discografico di Beatrice Campisi, “Il gusto dell’ingiusto”, in programma per dicembre.

L’album prodotto da Cobert Edizioni Musicali è stato realizzato con il supporto del MiBACT e di SIAE, nell'ambito dell'iniziativa “Sillumina - Copia privata per i giovani, per la cultura”.

La produzione artistica è del cantautore statunitense Jono Manson con la partecipazione di ospiti d'eccezione, fra i quali si ricorda Claudio Lolli.

Chi è Beatrice Campisi?

Beatrice Campisi è una cantautrice di origini siciliane appassionata di musica d’autore italiana, jazz e canzone popolare.

Sin da giovane inizia a studiare pianoforte, canto e teatro, compone i suoi primi brani e partecipa a importanti rassegne musicali (fra cui il M.E.I. d’autore di Faenza, Musica donna Festival presso il teatro Brancati di Catania, Catania Jazz presso il teatro Metropolitan di Catania, Bellini opera gala presso il Teatro Antico di Taormina, “Luigi Tenco, marzo 2017. In qualche parte del mondo” sul palco di Spaziomusica Pavia, “La storia del Tenco” con Enrico De Angelis e Antonio Silva).

Mentre si appassiona agli studi classici (terminati nel Febbraio 2016 con il conseguimento della Laurea Magistrale in Filologia Classica presso l’Università degli Studi di Pavia), prosegue la sua formazione artistica attraverso corsi e stages (tra cui il campus formativo per cantautori organizzato presso il C.E.T di Mogol).

Trasferitasi a Pavia si inserisce nella nuova scena musicale, iniziando la collaborazione con i musicisti attualmente coinvolti nella realizzazione del progetto, “il gusto dell’ingiusto”.

Nel web:

Facebook: https://www.facebook.com/campisibeatrice/

Youtube: https://www.youtube.com/channel/UClAWJqUf9iHE2Cf0sAqQlsQ

 

 

“AVÒ”

Il videoclip di

BEATRICE CAMPISI

disponibile su YouTube dal 10 novembre

 

 Il brano “Avò” racconta una storia vera di violenza e di riscatto, di acquisizione di una dignità strappata troppo presto.

Una dignità ricostruita con fatica, giorno dopo giorno, con la semplicità profonda con cui le donne decidono di alzare la testa e superare le difficoltà semplicemente vivendo e donando altra vita.

La vita che torna come in un cerchio, dunque, che si ripete, modificandosi, traendo linfa da sé stessa e rigenerandosi in nuova vita.

Il videoclip, da oggi in anteprima su ILGIORNALEOFF.IT, è stato realizzato con la regia di Marco Rosson e il montaggio di Maurizio Del Piccolo

“Avò” anticipa la pubblicazione del primo progetto discografico di Beatrice Campisi, “Il gusto dell’ingiusto”, in programma per dicembre.

L’album prodotto da Cobert Edizioni Musicali è stato realizzato con il supporto del MiBACT e di SIAE, nell'ambito dell'iniziativa “Sillumina - Copia privata per i giovani, per la cultura”.

La produzione artistica è del cantautore statunitense Jono Manson con la partecipazione di ospiti d'eccezione, fra i quali si ricorda Claudio Lolli.

Chi è Beatrice Campisi?

Beatrice Campisi è una cantautrice di origini siciliane appassionata di musica d’autore italiana, jazz e canzone popolare.

Sin da giovane inizia a studiare pianoforte, canto e teatro, compone i suoi primi brani e partecipa a importanti rassegne musicali (fra cui il M.E.I. d’autore di Faenza, Musica donna Festival presso il teatro Brancati di Catania, Catania Jazz presso il teatro Metropolitan di Catania, Bellini opera gala presso il Teatro Antico di Taormina, “Luigi Tenco, marzo 2017. In qualche parte del mondo” sul palco di Spaziomusica Pavia, “La storia del Tenco” con Enrico De Angelis e Antonio Silva).

Mentre si appassiona agli studi classici (terminati nel Febbraio 2016 con il conseguimento della Laurea Magistrale in Filologia Classica presso l’Università degli Studi di Pavia), prosegue la sua formazione artistica attraverso corsi e stages (tra cui il campus formativo per cantautori organizzato presso il C.E.T di Mogol).

Trasferitasi a Pavia si inserisce nella nuova scena musicale, iniziando la collaborazione con i musicisti attualmente coinvolti nella realizzazione del progetto, “il gusto dell’ingiusto”.

Nel web:

Facebook: https://www.facebook.com/campisibeatrice/

Youtube: https://www.youtube.com/channel/UClAWJqUf9iHE2Cf0sAqQlsQ

 

 

Da oggi in rotazione radiofonica

“AVÒ”

il nuovo singolo di

BEATRICE CAMPISI

 

Il brano “Avò”, da oggi in rotazione radiofonica, racconta una storia vera di violenza e di riscatto, di acquisizione di una dignità strappata troppo presto.

Una dignità ricostruita con fatica, giorno dopo giorno, con la semplicità profonda con cui le donne decidono di alzare la testa e superare le difficoltà semplicemente vivendo e donando altra vita.

La vita che torna come in un cerchio, dunque, che si ripete, modificandosi, traendo linfa da sé stessa e rigenerandosi in nuova vita.

“Avò” anticipa la pubblicazione del primo progetto discografico di Beatrice Campisi, “Il gusto dell’ingiusto”, in programma per dicembre.

L’album prodotto da Cobert Edizioni Musicali è stato realizzato con il supporto del MiBACT e di SIAE, nell'ambito dell'iniziativa “Sillumina - Copia privata per i giovani, per la cultura”.

La produzione artistica è del cantautore statunitense Jono Manson con la partecipazione di ospiti d'eccezione, fra i quali si ricorda Claudio Lolli.

Chi è Beatrice Campisi?

Beatrice Campisi è una cantautrice di origini siciliane appassionata di musica d’autore italiana, jazz e canzone popolare.

Sin da giovane inizia a studiare pianoforte, canto e teatro, compone i suoi primi brani e partecipa a importanti rassegne musicali (fra cui il M.E.I. d’autore di Faenza, Musica donna Festival presso il teatro Brancati di Catania, Catania Jazz presso il teatro Metropolitan di Catania, Bellini opera gala presso il Teatro Antico di Taormina, “Luigi Tenco, marzo 2017. In qualche parte del mondo” sul palco di Spaziomusica Pavia, “La storia del Tenco” con Enrico De Angelis e Antonio Silva).

Mentre si appassiona agli studi classici (terminati nel Febbraio 2016 con il conseguimento della Laurea Magistrale in Filologia Classica presso l’Università degli Studi di Pavia), prosegue la sua formazione artistica attraverso corsi e stages (tra cui il campus formativo per cantautori organizzato presso il C.E.T di Mogol).

Trasferitasi a Pavia si inserisce nella nuova scena musicale, iniziando la collaborazione con i musicisti attualmente coinvolti nella realizzazione del progetto, “il gusto dell’ingiusto”.

Nel web:

Facebook: https://www.facebook.com/campisibeatrice/

Youtube: https://www.youtube.com/channel/UClAWJqUf9iHE2Cf0sAqQlsQ

 

 

BEATRICE CAMPISI

Il nuovo brano musicale  

“AVÒ”

in radio a partire dal 3 novembre 

 

Il brano “Avò” racconta una storia vera di violenza e di riscatto, di acquisizione di una dignità strappata troppo presto.

Martedì, 18 Luglio 2017 13:13

Prossimi appuntamenti con i DUPERDU

Giovedì 20 luglioCastello Sforzesco - Milano - in “Le Sedie

Giovedì 27 luglio - Spirit de Milan (Via Bovisasca 59 Milano) in “Duperdu Randevu”

DECALAMUS storico gruppo di musica della tradizione popolare è protagonista nella serata di giovedì 20 Luglio ad ATINA JAZZ, tra canti liturgici e balli campestri.

Ingresso gratuito a partire dalle ore 23.

L’ importante FESTIVAL INTERNAZIONALE giunto alla XXXII edizione accoglierà artisti, gruppi musicali italiani e provenienti da tutto il mondo, fino alla giornata di domenica 6 Agosto. Un grande evento per la cultura popolare della grande tradizione internazionale. 

Un viaggio vintage tra sonorità jazz

In rotazione radiofonica dal 26 maggio

“Holidays in Rome” è il nuovo singolo degli ANIMAREA. Un viaggio vintage tra sonorità jazz in rotazione radiofonica dal 26 maggio.

Un sound retrò su una ritmica moderna, un’atmosfera anni ‘50 che sa di Dolce Vita, un mandolino e una fisarmonica che si fondono con i loop di batteria elettronica e gli scratch del Dj, il tutto condito da una melodia orecchiabile e piacevole, dal sapore estivo: questi sono gli ingredienti di “Holidays in Rome”

Il nuovo singolo degli ANIMAREA, tratto dall’omonimo album “Holidays in Rome”, diventa così un esperimento nostalgico dal gusto jazz ma dal sound fresco, dove l’italianità dell’atmosfera si fonde al testo in inglese di una commedia autobiografica tutta da cantare.

Mercoledì, 17 Maggio 2017 10:12

Animarea

ANIMAREA in concerto

3 febbraio - Osteria del Diplomatico - Marghera (VE)

14 febbraio – Vigorantino - Vigodarzere (PD)

 

Due concerti in programma a febbraio per l’eclettico duo, ANIMAREA

Gli appuntamenti sono: Sabato 3 febbraio all’Osteria al Diplomatico, Via della sortita 17 Marghera (VE); Mercoledì 14 febbraio concerto speciale per San Valentino al Vigorantino, Piazza Unità d’Italia Vigodarzere (PD).

Due concerti unici, arricchiti da cover e da brani tratti dal loro disco “Holidays in Rome”, pubblicato da IRMA RECORDS in partnership con Radio Coop

Un viaggio tra tradizione e modernità, in un susseguirsi di melodie che cambiano, passando dalle atmosfere vintage di “Holidays in Rome” – brano che dà il titolo al disco – alle ritmiche del Frevo brasiliano; dalle ballate in stile Smooth-Bossa al Funky-Soul, al Pop Mediterraneo di atmosfera, fino ad arrivare al morbido Electro Swing e alla Musica Cantautorale francese anni ‘50.

Il loro ultimo singolo “My Heart is Yellow”, tratto dall’album “Holidays in Rome” è in questi giorni in rotazione radiofonica.

ANIMAREA, nato da un’idea di Gabriele Toniolo – chitarrista, autore e produttore -, e Rossana Bern – voce -, è un progetto musicale fondato nel 2008 dal genere raffinato tra smooth-latin-jazz e pop-soul. 

Nel web: www.animarea.it


ANIMAREA

In concerto

17 novembre – 20.30

Lupo Rosso Pub

Via Roma n. 6 Val Liona (Vicenza)

 

Un nuovo concerto in programma per l’eclettico duo, ANIMAREA.

L’appuntamento è per venerdì 17 novembre al Lupo Rosso Pub, in via Roma n.6 Val Liona (VI).

Sarà un evento ricco e unico, un’occasione per potersi godere una serata fuori in compagnia del ritmo jazz degli ANIMAREA.

Un concerto arricchito da cover e da brani tratti dal loro disco “Holidays in Rome”, pubblicato da IRMA RECORDS in partnership con Radio Coop

Un viaggio tra tradizione e modernità, in un susseguirsi di melodie che cambiano, passando dalle atmosfere vintage di “Holidays in Rome” – brano che dà il titolo al disco – alle ritmiche del Frevo brasiliano; dalle ballate in stile Smooth-Bossa al Funky-Soul, al Pop Mediterraneo di atmosfera, fino ad arrivare al morbido Electro Swing e alla Musica Cantautorale francese anni ‘50.

ANIMAREA, nato da un’idea di Gabriele Toniolo – chitarrista, autore e produttore -, e Rossana Bern – voce -, è un progetto musicale fondato nel 2008 dal genere raffinato tra smooth-latin-jazz e pop-soul.

Nel web: www.animarea.it

Evento FB: https://www.facebook.com/events/738390186346572/

 

 

ANIMAREA

Live 1 ottobre

Vigorantino – Vigodarzene (PD)

(Piazza Unità d'Italia)

 

Nuovi imperdibili appuntamenti musicali con l’eclettico duo, ANIMAREA

Lunedì, 10 Aprile 2017 13:40

DUPERDU in concerto allo SPIRIT DE MILANO

Giovedì 13 aprile alle ore 22

DUPERDU

in concerto allo Spirit de Milan

(Via Bovisasca 59, Milano)

Giovedì 13 aprile a partire dalle 22, i Duperdu si esibiranno in un imperdibile concerto milanese allo Spirit de Milan (Via Bovisasca 59, Milano) con canzoni della tradizione, da Gaber a Jannacci a Svampa, e brani del repertorio originale dei Duperdu.

IN BOCCONI CI ANDAVO A SPIZZICHI

NANNI SVAMPA

racconta e si racconta (e i giovani lo cantano)

Il mitico Gufo “cantastorie” torna sul palco per raccontare la sua straordinaria esperienza artistica e umana.

“IN BOCCONI CI ANDAVO A SPIZZICHI” è uno spettacolo che prevede diversi momenti: un salotto per le chiacchiere, una proiezione friendly e un piccolo palcoscenico performativo per i giovani cantanti che eseguono brani del repertorio di Nanni.

Mercoledì, 01 Marzo 2017 10:47

Nanni Svampa

IN BOCCONI CI ANDAVO A SPIZZICHI

NANNI SVAMPA

racconta e si racconta (e i giovani lo cantano)

Il mitico Gufo “cantastorie” torna sul palco per raccontare la sua straordinaria esperienza artistica e umana.

“IN BOCCONI CI ANDAVO A SPIZZICHI” è uno spettacolo che prevede diversi momenti: un salotto per le chiacchiere, una proiezione friendly e un piccolo palcoscenico performativo per i giovani cantanti che eseguono brani del repertorio di Nanni.

Nel salotto Nanni, incalzato e imbeccato dal poeta catartico FLAVIO OREGLIO, racconta e si racconta attraverso storie, citazioni e aneddoti. È uno SVAMPA che si esprime a tutto campo e che parlando della sua vita e della sua carriera, passa con nonchalance dalla musica all’amata Milano, dai personaggi dell’infanzia al Cabaret, scoprendo gli infiniti punti che hanno in comune.

Per quello che riguarda la musica, sono due le aree dei ragionamenti di Nanni: la canzone popolare lombarda (l’Antologia discografica di Svampa resta a tutt’oggi un punto di riferimento assoluto), le traduzioni in dialetto milanese e in italiano di George Brassens, (considerato il più grande poeta umorista del XX secolo).

Ma lo spettacolo non è soltanto una “ciciarada”, come direbbe lo Svampa

Infatti, tra una considerazione e l’altra trovano spazio le testimonianze di un’avventura straordinaria: fotografie, filmati, documenti e, ovviamente, le canzoni cantate e suonate dal vivo.

E su questo punto c’è da sottolineare un aspetto importante.  

Per la musica live, Nanni ha voluto lasciare spazio ai giovani. Perché? Perché, come dice lui, "me l'hanno ordinato i cardiologi - mi hanno detto: non cantare più, non puoi affrontare lo stress e la fatica di un concerto"

E così ecco apparire sul palco dal vivo i giovani, Luca Maciacchini e Cristina Meschia, cultori del repertorio di Svampa e partner ideali per questo progetto autobiografico.

Per il finale dello spettacolo è previsto, in aggiunta alla performance Maciacchini-Meschia, un duetto Svampa-Oreglio fatto di scambi di battute umoristiche del repertorio di Nanni, con Hit conclusiva. 

Per informazioni booking, serate: Francesco Caprini

 

Ufficio Stampa DIVI IN AZIONE
Via Andrea Palladio 16 – 20135 Milano
Tel. 02 58310655 –  3932124576 - 3925970778
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.divinazionemilano.it

 

Venerdì, 10 Febbraio 2017 16:21

Giulio Casale presenta “Liberamente”

Giovedì 16 febbraio 2017 h. 21.30 al concerto Serraglio (Via Gualdo Priorato 5, Milano)

Divinazione Milano vi invita giovedì 16 febbraio 2017 al Serraglio (Via Gualdo Priorato 5, Milano) in occasione di “Liberamente”, spettacolo concepito ed interpretato da Giulio Casale compositore e cantante fin dai tempi degli Estra da lui fondati.

È un concerto che prevede una serie di brani per voce e chitarra, ma merita uno sguardo più approfondito. La storia millenaria della cultura occidentale è da sempre attraversata da figure che invariabilmente cantano, accompagnandosi con strumenti a corde: aedi, rapsodi, menestrelli, bardi, cantautori – dai tempi dell’antica Grecia fino ai giorni nostri. Lo scopo è comune: raccontare idee, eventi e storie a un popolo distratto e talvolta neppure in grado d’informarsi.

Giovedì, 02 Febbraio 2017 15:50

DUPERDU concerto-spettacolo per l’ANPI

Domenica 5 febbraio h.15.30 presso ARCI Corvetto (via Oglio 21 Milano)

con Marta Maria Marangoni (flauto voce ammennicoli) e Fabio Wolf (piano voce)

Domenica 5 febbraio presso l’ARCI Corvetto in via Oglio 21 Milano, il duo più trasformista del momento sarà presente per la grande festa dei Partigiani d'Italia. In occasione della festa del tesseramento ANPI Beloyannis presenterà il fior fiore del suo repertorio.

contattaci

Ci piacerebbe conoscere il tuo progetto!

Un consulente ti contatterà entro 24 ore per discutere le tue esigenze in dettaglio e fornire un preventivo gratuito.

scrivici